cambia aria

Avete sostituito i vostri vecchi infissi con quelli di nuova generazione, in PVC o in alluminio, e vi ritrovate con una striscia superficiale di “condensa” a lato dell’infisso?

Tranquilli, nulla di allarmante!!
Il vostro acquisto è stato un ottimo acquisto!
Questo significa che l’infisso “stagna” e il vetro basso emissivo 6/7 +12+ 6/7  (che noi montiamo di serie) funziona bene, ovvero è in grado di garantire l’ elevato  isolamento termico richiesto.

I nuovi infissi, dal punto di vista termico, sono molto più performanti di quelli che c’erano prima dell’installazione.
E’ consigliabile, quindi, far circolare aria nella stanze, più di quanto eravate abituati a fare prima.
Oltre ad utilizzare più spesso il sistema di apertura a battente, approfittate di quello a ribalta per avere costanti ricambi d’aria. Ecco perché noi di Ceccarelli Infissi la includiamo di serie.

cambia aria in casa

Questo è consigliabile sia d’estate che d’inverno.

Prima, probabilmente, con i vecchi infissi c’erano scambi di aria “gratuiti”, senza dover agire manualmente, proprio perché avevano una tenuta termica diversa.

Studi e ricerche effettuati da aziende leader nella produzione di meccanismi per serramenti (come ad esempio l’anta/ribalta) hanno evidenziato l’importanza e la necessità di aprire le finestre circa ogni due ore (negli ambienti residenziali occupati da persone).
Per quanto tempo la finestra deve restare aperta?

Ecco alcuni suggerimenti:
– se avete le finestre con apertura “a battente”, create una corrente d’aria di max 4 minuti in inverno, dai 12 ai 20 minuti d’estate;
– se avete un infisso con apertura “a ribalta” o wasistas, se riuscirete a creare una corrente d’aria basta aerare per 5 o 6 minuti d’inverno e circa 30 munti d’estate;
– in assenza di corrente d’aria, con infisso “a battente”, aprire per 6 minuti d’inverno e per 30 minuti quando fa più caldo.
Con l’anta “a ribalta” , in inverno aprire fino a 75 minuti, d’estate anche per 2 o 3 ore.

Aprite le finestre e cambiate l’aria in casa. Perché non sfruttare l’anta ribalta?
Tagged on:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *