WP_20150112_003
Scorrevole alzante bicolore, installata da Ceccarelli Infissi.

Avete deciso di cambiare il look della vostra casa? Perché non iniziare dalla sostituzione delle finestre? Complice anche la possibilità, fino a fine anno, di usufruire degli incentivi fiscali con una detrazione pari al 65%.
Di fronte a questo tipo di intervento il dilemma è sempre lo stesso: quale materiale scegliere per le nuove finestre?
Il mercato degli infissi offre sostanzialmente tre alternative di base: legno, alluminio o PVC.
Di solito la scelta è dettata prima di tutto dal budget economico che si ha a disposizione, poi da eventuali esigenze condominiali e/o comunali.
Per una scelta accurata vediamo insieme cosa riserva il PVC.

Negli ultimi anni, molti produttori di serramenti in legno o in alluminio si sono proiettati verso il PVC. Un materiale relativamente nuovo, particolarmente diffuso nel Nord Europa. In Italia  sta prendendo piede sempre di più ma deve fare ancora i conti con diverse scuole di pensiero. C’è chi sostiene che il PVC sia semplicemente plastica con il rischio che le finestre si scoloriscano con i raggi del sole, si deformino per via degli sbalzi termici e che siano cancerogene. Altri, invece, ritengono il PVC un materiale eco-compatibile, dal design moderno, resistente alle effrazioni grazie alla sua cavità rinforzata con elementi in acciaio, atti a conferire anche stabilità all’infisso.  Il PVC in realtà è un cloruro polivinicolo e un polimero termoplastico ad alta viscosità. Grazie alle speciali guarnizioni elastiche di battuta , il serramento in PVC offre una tenuta termica alquanto elevata. Montando vetri camera termici B.E., basso emissivi, la finestra in PVC garantisce un ottimo isolamento acustico e raggiunge coefficienti di trasmittanza termica ideali per la richiesta di detrazione fiscale per il risparmio energetico. Con il PVC la chiusura degli ambienti abitativi è praticamente ermetica.
Il PVC sostituisce il legno anche nei colori, dal bianco al colorato, dall’avorio all’effetto legno con una differenza non da poco: con il PVC la manutenzione degli infissi è pari a zero. Il costo di questa tipologia di infissi è leggermente più contenuto rispetto a quelli in legno ma diffidate da chi vi presenta preventivi con prezzi stracciati. Rischiate di ritrovarvi finestre di scarsa qualità con problemi tecnici e strutturali che normalmente il PVC non prevede.

Cambio le finestre. Perché scegliere il PVC?
Tagged on:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *